Un ponte va costruito

22 Ottobre 2018

Un ponte va costruito

Un ponte va costruito a partire sempre tra due sponde. Anche oggi se ne è avuta la prova.

La RSU avrebbe dovuto incontrare il Consigliere Riccardo Laganà, avendo al suo fianco per la prima volta nella storia una significativa rappresentanza del Comitato di Redazione. Una RSU in stato di agitazione che ne ha, eccome, di faccende di cui discutere con il primo
Consigliere eletto con i voti dei lavoratori. Ma tutto si è risolto in un muro contro muro.

La presenza non annunciata del vicepresidente dell’Associazione RAI Bene Comune, stimato lavoratore del Centro di Produzione di Torino, ma in nessun modo titolato a presenziare all’incontro tra rappresentanze elette, né come amico, né come consulente, né come esperto di dinamiche sindacali, nonché l’indisponibilità del Consigliere di privarsi della presenza al suo fianco del “collaboratore”, ha reso impraticabile anche solo l’inizio dell’incontro.

In questo contesto la RSU incontrava un Consigliere d’Amministrazione, non la voce dell’associazionismo di base o di sigle sindacali, non nel luogo di un incontro che ha senso solo se resta istituzionale.

A fronte della gravissima situazione di un insediamento, a nostro avviso vitale per l’azienda, laddove si pone l’esigenza di un rispetto assoluto delle posizioni, dei ruoli e delle norme, le nostre priorità e quelle del consigliere, evidentemente non erano le stesse.
Almeno non oggi.

RSU RAI – Milano