LA RAI COLPEVOLE DELLA DEQUALIFICAZIONE DEL LAVORO EDITORIALE